Homepage » Rassegna stampa » Le (prevedibili) ragioni del successo

Le (prevedibili) ragioni del successo

Monet è famoso, ma non l'altrettanto abile Caillebotte: il perché nel saggio di Derek Thompson 'Creare successi', recensito sul Corriere della Sera
28 Luglio 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
'White_Water_Lilies'_by_Claude_Monet,_1899,_Pushkin_Museum

Il Corriere della Sera pubblica una recensione di Roberta Scorranese al libro di Derek Thompson, Creare successi. Ne pubblichiamo una parte.

Claude Monet e Gustave Caillebotte furono entrambi due originali protagonisti dell’Impressionismo. Mossero gli stessi passi, esposero fianco a fianco in una importante mostra del 1876, frequentarono gli stessi ambienti. Eppure oggi le ninfee di Monet godono di una popolarità planetaria, mentre Caillebotte lo conoscono in pochi. Non è questione di talento: tutti e due, agli esordi, furono attaccati dalla critica di ambito accademico e, una volta che si consolidò la fortuna degli Impressionisti, i grandi critici hanno ammesso la raffinatezza di Caillebotte.

Il fatto è che il successo ha le sue ragioni che la ragione deve scoprire, come ci spiega Derek Thompson in Creare successi, la versione italiana di Hit Makers (già tradotto in 21 lingue) pubblicata da Roi Edizioni (pp. 334, € 25). Il giornalista americano ha analizzato fenomeni che hanno raggiunto una vasta popolarità, dalla serie Games of Thrones a Guerre stellari. Chiedendosi: il successo è prevedibile? Sì e no, perché, citando studi di statistica e psicologia, emerge che ci lasciamo ipnotizzare da cose che ci sono familiari ma, al tempo stesso, abbiamo bisogno della novità.

E di un buon canale di distribuzione: oggi un film, una canzone, un articolo devono “poterci trovare”. Con le parole giuste: Thompson spiega che Instagram è diventato così famoso non solo perché ha un design elegante e un funzionamento accessibile, ma anche perché venne lanciato con il sostegno (online) di importanti personaggi del mondo digitale.

La recensione completa è stata pubblicata sul Corriere della Sera del 28 luglio 2018.

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni