Peter F. Drucker
"Le carriere di successo non sono pianificate. Si sviluppano quando le persone sono pronte a cogliere le opportunità perché conoscono i propri punti di forza, i propri metodi di lavoro e i propri valori."
ROI-Edizioni-DRUCKER
Pagine: 96
ISBN: 9788836200610 Categoria
Data di pubblicazione: 30/06/2021
TRADUZIONE: Daniela Di Lisio

Il libro

L'autore

Viviamo in un’ epoca di opportunità mai viste prima: chi è dotato di ambizione e intelligenza può salire fino ai vertici della professione che ha scelto, indipendentemente dal suo livello di partenza. Ma l’ opportunità porta con sé la responsabilità. Le aziende di oggi non si curano più di gestire le carriere dei propri collaboratori; i lavoratori della conoscenza devono essere, a tutti gli effetti, gli amministratori delegati di se stessi. Spetta a ciascuno di voi ritagliarsi il proprio posto, sapere quando cambiare direzione, mantenersi attivo e produttivo nel corso di una vita lavorativa che può durare cinquant’anni o più. E per fare bene tutto questo, è indispensabile coltivare una profonda comprensione di se stessi – dei propri punti di forza e di debolezza, ma anche del proprio modo di imparare e di lavorare con gli altri, dei propri valori e dell’ ambito in cui si è capaci di dare il contributo più rilevante. Perché solo partendo dai propri punti di forza si può raggiungere la vera eccellenza.

I grandi protagonisti della storia – i Napoleone, i Leonardo da Vinci, i Mozart – hanno sempre gestito se stessi. Ed è questo, in larga misura, che ha permesso loro di conseguire risultati straordinari. Ma si tratta di rare eccezioni, di figure così uniche, sia per talento sia per traguardi raggiunti, da potersi considerare fuori portata rispetto ai comuni esseri umani. Ora invece la maggior parte di noi, compresi i meno dotati, dovrà imparare ad autogestirsi. Dovremo imparare a prenderci cura della nostra crescita. Dovremo trovare il nostro posto là dove possiamo dare un contributo più grande. E dovremo mantenerci mentalmente attivi e impegnati nell’arco di una carriera lunga cinquant’anni, consapevoli di quando e come cambiare la nostra attività lavorativa.

QUALI SONO I MIEI PUNTI DI FORZA?

Siamo quasi tutti convinti di sapere che cosa sappiamo fare bene. E in genere sbagliamo. È più facile riconoscere quello che non sappiamo fare – eppure, anche su questo la maggior parte di noi non sa dare un giudizio corretto. E tuttavia possiamo fare bene solo partendo dai nostri punti di forza. Nessuno può ottenere risultati significativi basandosi sui propri punti deboli, né tantomeno su ciò che non sa fare per niente. Fino a poco tempo fa nessuno ha mai avuto seriamente bisogno di conoscere i propri punti di forza. Si nasceva destinati a occupare una posizione e un livello preciso nel lavoro: il figlio di un contadino avrebbe fatto il contadino; la figlia di un artigiano sarebbe diventata la moglie di un artigiano; e così via. Ma oggi possiamo scegliere. E abbiamo bisogno di conoscere i nostri punti di forza per sapere qual è il nostro posto nel mondo, la nostra vocazione.

LEGGI ALTRI ESTRATTI

Jurriaan Kamer, Rini van Solingen, Elena Baroni
Velocizzare i processi senza sacrificare la qualità, lavorare sull'efficienza, costruire un nuovo modello di leadership e una nuova mentalità aziendale, nella quale ciascun dipendente è coinvolto, partecipativo e responsabilizzato in vista dello scopo finale, con la giusta strategia.
Estratto da Formula X di Jurriaan Kamer, Rini van Solingen, Elena Baroni
Jane McGonigal
"Vorrei che riusciste a prevedere i rischi 'inimmaginabili' a cui dobbiamo prepararci e anche il dolore 'incredibile' che vorremo evitare, in modo da poterli prevenire o almeno da mitigare i danni. Però vorrei anche che riusciste a immaginare di fare qualcosa di nuovo ed entusiasmante durante i prossimi dieci anni della vostra vita e anche in seguito."
Estratto da Immagina di Jane McGonigal
Crypto Economy, Roberto Gorini
Roberto Gorini
Cosa sono gli NFT, quando e come nascono, quali sono le loro potenzialità: Roberto Gorini spiega i nuovi strumenti dell'attuale economia digitale.
Estratto da Crypto economy di Roberto Gorini
Fatti sentire - Megan Reitz, Hohn Higgins
Megan Reitz e John Higgins
Bisogna imparare tanto a parlare quanto a far parlare, per evitare silenzi che possono portare pericolose conseguenze.
Estratto da Fatti sentire di Megan Reitz e John Higgins
La mente estesa, Annie Murphy Paul
Annie Murphy Paul
Annie Murphy Paul spiega il funzionamento della nostra mente con una nuova analogia: il cervello-gazza. Un modo radicalmente nuovo e necessario di considerare il pensiero, come qualcosa che esce dai limiti del cervello e che si arricchisce attraverso il rapporto col mondo.
Estratto da La mente estesa di Annie Murphy Paul
ROI-EDIZIONI-Zanolli-Guerra-o-pace copertina
Sebastiano Zanolli
Non portatore di caos ma terreno fertile per l'innovazione: bisogna riscoprire la natura positiva del conflitto per poter imparare a "litigare bene", tanto nella vita personale quanto in azienda.
Estratto da Guerra o pace di Sebastiano Zanolli

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni