Sebastiano Zanolli

Imparare a "so-stare" nel conflitto

Non portatore di caos ma terreno fertile per l'innovazione: bisogna riscoprire la natura positiva del conflitto per poter imparare a "litigare bene", tanto nella vita personale quanto in azienda.
ROI-EDIZIONI-Zanolli-Guerra-o-pace copertina
Pagine: 192
ISBN: 9788836201006 Categoria
Data di pubblicazione: 21/04/2022

Il libro

L'autore

“A casa è una guerra” è una delle espressioni tipiche che indicano tensioni e litigi familiari. Anche in azienda, la frequenza con cui si usano e si sentono usare frasi di questo tipo è altissima. Solo che le parole, come diceva Nanni Moretti nel film Palombella rossa, sono importanti. Determinanti. Già plasmati da un’avversione, parzialmente giusta, nei confronti dell’idea di guerra, se usiamo le parole in modo improprio ci ritroviamo ancor di più a evitare gli scontri, i litigi, i conflitti, senza che questo ci sia di aiuto. Anzi.
La guerra è violenza, per quanto organizzata. Litigare, invece, è quasi sempre un qualche tipo di scontro alla ricerca di un punto comune. La guerra è un gioco a somma zero: qualcuno vince, qualcun altro perde. Litigare è manifestazione, a volte accesa, di opinioni, di espressione. È spiegarsi meglio, ad alta voce. In Italia, purtroppo, la lingua non ci aiuta a destreggiarci con queste sfumature. Come ha osservato Daniele Novara, presidente del Centro psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti e mio mentore sulla materia, in italiano, sul tema, usiamo troppe parole in maniera confusa e sovrapposta:

“Appare evidente come nei nostri vocabolari i significati di ‘guerra’ e ‘conflitto’ siano sostanzialmente sovrapponibili, con un’accezione quasi peggiorativa del conflitto rispetto alla guerra. Ma se consideriamo la guerra per quello che è, e cioè una delle forme più estreme di violenza, è evidente che ci troviamo di fronte a una clamorosa confusione semantica, che la ricerca sui nostri vocabolari non ci aiuta a dirimere.”

Sovrapposta, nel senso che pensiamo che in una scala di intensità della violenza vi siano i conflitti e crescendo si possa trovare la guerra. Dal conflitto, al litigio, fino ad arrivare al caos. Ciò che più ci manca, però, e non solo in Italia, è la capacità di cogliere le sfumature e anche l’ambiguità della natura umana e delle relazioni. Come generazione “pacifica” che ripudia la guerra, la nostra tendenza è quella di escludere ogni possibile scontro. Pensare che l’armonia sia una questione di accordo perenne, continuo, simbiotico. E, invece, non funziona così. Anzi, funziona al contrario.

L’armonia è un processo tormentato di mediazione, negoziazione, confronto, discussioni. Si tratta del risultato del capirsi, il che implica necessariamente qualche volta aver litigato. A volte è vero: tali litigi possono apparire o risultare violenti. Ma si tratta, per lo più, di incapacità nell’affrontare la natura dei conflitti. La violenza insomma – citando ancora Novara – “non può essere una sorta di conseguenza del conflitto ma, al contrario, è l’incapacità di stare nel conflitto stesso, di sperimentarlo come momento importante, come elemento che fonda la relazione e attraverso il quale è possibile riconoscere la differenza e la distanza, indispensabili a preservare la relazione stessa dalle sue componenti inglobanti e tiranniche”.

LEGGI ALTRI ESTRATTI

Lasciatemi perdere, Riccardo Pittis
Riccardo Pittis
Teoria e pratica della sconfitta dall'ex campione dell'era d'oro del basket italiano, drogato di vittoria e terrorizzato dall'idea di perdere.
Teoria e pratica della sconfitta dall'ex campione dell'era d'oro del basket italiano, drogato di vittoria e terrorizzato dall'idea di perdere.
Vivere il metaverso, Alessio Carciofi
Alessio Carciofi
"Ci sono diversi obiettivi che dovremmo porci per transitare verso il futuro dell'umanità. Il più ignorato è, semplicemente, assicurarsi che l'umanità rimanga umana."
Come vivremmo una giornata nel Metaverso? Come si trasformerebbero (o forse sarebbe meglio dire come si trasformeranno) le nostre abitudini quotidiane: il lavoro, la famiglia, le spese e gli svaghi?
Buon Business, Mihály Csíkszentmihályi
Mihály Csíkszentmihályi
Aziende che operano per la comunità e leader che portano avanti valori duraturi, una visione che dia significato alla vita, e che offrono speranza alla gente: questo è il "buon business"
Aziende che operano per la comunità e leader che portano avanti valori duraturi, una visione che dia significato alla vita, e che offrono speranza alla gente: questo è il "buon business"
ROI-CARBON-ALMANAC
Seth Godin
Tre capitoli dal Carbon Almanac per riflettere sui fenomeni che caratterizzano l'estate più calda degli ultimi anni
Le onde di calore e la siccità, gli effetti del caldo sulla salute e le isole urbane di calore: tre elementi per conoscere il cambiamento climatico di questi mesi e per parlarne e cominciare ad agire.
Jurriaan Kamer, Rini van Solingen, Elena Baroni
Velocizzare i processi senza sacrificare la qualità, lavorare sull'efficienza, costruire un nuovo modello di leadership e una nuova mentalità aziendale, nella quale ciascun dipendente è coinvolto, partecipativo e responsabilizzato in vista dello scopo finale, con la giusta strategia.
Estratto da Formula X di Jurriaan Kamer, Rini van Solingen, Elena Baroni
Jane McGonigal
"Vorrei che riusciste a prevedere i rischi 'inimmaginabili' a cui dobbiamo prepararci e anche il dolore 'incredibile' che vorremo evitare, in modo da poterli prevenire o almeno da mitigare i danni. Però vorrei anche che riusciste a immaginare di fare qualcosa di nuovo ed entusiasmante durante i prossimi dieci anni della vostra vita e anche in seguito."
Estratto da Immagina di Jane McGonigal

Condividi

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni