Richard Shotton

In che modo il contesto influenza le nostre scelte?

I fattori contestuali sono spesso più importanti della personalità nella determinazione del comportamento.

Vi chiudete rumorosamente alle spalle la porta di casa e vi dirigete verso la vostra macchina, che per mancanza di parcheggi è posteggiata a circa trecento metri da lì. A metà strada vi imbattete in un mendicante, accovacciato davanti a un portone. Una folla di pendolari indaffaratissimi gli passa davanti senza fermarsi. Notate in particolare un uomo in abito gessato che allunga il passo, distoglie lo sguardo e si allontana in fretta. “Accidenti, oggi la gente è maledettamente egoista”, pensate. Cercate frettolosamente nelle tasche qualche spicciolo da regalargli. C’è solo una monetina da cinque pence, perciò allungate il passo e guardate da un’altra parte. Il vostro assunto sull’egoismo dell’uomo d’affari in abito gessato è un tipico esempio dell’errore fondamentale di attribuzione, ossia la tendenza a sovrastimare l’importanza della personalità e a sottostimare l’importanza del contesto quando si cerca di spiegare un comportamento. Avete giudicato il comportamento di quell’uomo facendo riferimento alla sua personalità anziché a fattori momentanei come il suo umore, i suoi impegni o la sua mentalità. È un errore molto comune e ha implicazioni importanti sul targeting delle nostre comunicazioni.

Nel 1973 due psicologi della Princeton University, John Darley e Daniel Batson, pubblicarono uno studio fondamentale sull’argomento, intitolato “From Jerusalem to Jericho” Lo studio dimostrava come dei fattori contestuali apparentemente marginali avessero un’influenza significativa, ma sottovalutata, sul comportamento. Darley e Batson chiesero a quaranta seminaristi cattolici di compilare dei questionari sulla loro motivazione a far parte del clero. L’obiettivo dell’indagine era capire se volessero dare una mano al prossimo o salvarsi l’anima. Dopo la compilazione dei questionari, i due psicologi chiesero loro di registrare una conversazione di cinque minuti su un determinato argomento. Siccome in quella stanza non c’era abbastanza spazio, i seminaristi vennero spediti, con una cartina in mano, da un collega che li aspettava in un edificio situato a pochi minuti di cammino. Poco prima che uscissero, veniva ricordato loro quanto tempo avessero a disposizione prima che iniziasse la registrazione. A un terzo del campione i ricercatori hanno detto: “Sei in ritardo. Ti aspettavano cinque minuti fa. Datti una mossa. L’assistente dovrebbe essere lì ad aspettarti, perciò faresti meglio ad affrettarti.” Era la condizione di massima fretta.

Tutti gli estratti

Condividi

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni