Homepage » Reagire all’imprevisto
Sebastiano Zanolli
Quando il 14 aprile 1970 un serbatoio pieno di ossigeno liquido all’interno della navicella spaziale Apollo 13 si ruppe, gli ingegneri e tecnici del Kennedy Space Center non persero tempo a entrare in azione.
Pagine: 
176
ISBN: 
9788885493728
Pubblicato: 
11/11/2019
PREFAZIONE: 
Arrigo Sacchi

Il libro

L'autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Come salvare una navicella spaziale
37 secondi


Quando il 14 aprile 1970 un serbatoio pieno di ossigeno liquido all’interno della navicella spaziale Apollo 13 si ruppe, gli ingegneri e tecnici del Kennedy Space Center non persero tempo a entrare in azione. Guenter Wendt, che è stato il capo delle squadre della rampa di lancio al Kennedy Space Center in Florida, disse che tutti iniziarono a guardare i dati chiedendosi dove potesse essere il guasto, di che tipo di malfunzionamento potesse trattarsi e cosa avrebbero potuto fare. Wendt spiegò al sito www.space.com che, una volta iniziata l’emergenza, non ebbe il tempo di soffermarsi sulle emozioni del momento.
“Non pensi tanto a come ti senti o cosa significa. Hai un lavoro da fare” disse.
Se avete visto il film di Ron Howard del 1995, ricorderete la scena in cui sulla Terra si lavora per aggiustare il depuratore che permette agli astronauti di respirare. La scena mostra un supervisore di ingegneria che svuota rapidamente il contenuto di una scatola marrone su un tavolo. Gli ingegneri perplessi nella stanza vengono sfidati dal supervisore a fare in modo che un filtro per l’anidride carbonica quadrato si inserisca in uno spazio progettato per un filtro rotondo. I tecnici possono usare solo i materiali della scatola di fronte a loro (identici ai materiali che gli astronauti hanno nella capsula). Se non troveranno una soluzione velocemente, gli astronauti moriranno. In soli 37 secondi di film, vediamo all’opera la creatività e l’improvvisazione di persone sotto pressione. Gli ingegneri troveranno per fortuna la soluzione a questo e ad altri problemi capitati durante la missione Apollo 13, il resto è storia. A noi interessano il processo e l’attitudine con cui affrontare gli imprevisti. La sequenza che questo film paradigmatico e rappresentativo mostra è questa:

  1. Sorge il problema del depuratore d’aria, per noi per esempio potrebbe essere il licenziamento a freddo o la perdita del cliente più importante nel giro di pochi minuti.
  2. Non vengono date possibilità di riparazione veloce del sistema originale ovvero il sistema è saltato, bruciato, irrecuperabile.
  3. A questo punto si tratta di evitare di perdere tempo in ricerche di colpe e cause.
  4. Bisogna definire nel modo più esatto e circostanziato possibile il problema da risolvere. Nel film era: “Inserire un filtro quadrato per l’anidride carbonica in uno spazio progettato per un filtro rotondo usando nient’altro che questi oggetti.”
  5. Vengono raccolte le persone attorno a un tavolo in modo da avere energie creative a disposizione.
  6. Tutte le informazioni vengono messe sul tavolo e condivise.
  7. Si passa in rassegna tutto il materiale disponibile.
  8. Si generano soluzioni.
  9. Si sceglie la soluzione migliore.
  10. Si applica.

LEGGI ALTRI ESTRATTI

Professione podcaster: chi racconta e cosa sono le storie da ascoltare
Damiano Crognali
Un ecosistema che si sta costruendo proprio in questo momento, mentre stai leggendo queste pagine, che vede investimenti miliardari di grandi aziende del mondo tecnologico, che si affacciano a questo settore con approcci e modelli di business differenti.
“Ma vi volete ancora bene, vero?”
Tara Brach
Possiamo diventare consapevoli delle paure inconsce e delle convinzioni limitanti. Possiamo accorgerci di come i bisogni insoddisfatti ci portino a voler continuare a indossare un’armatura.
I migliori nomi di brand sfruttano un’emozione
Emily Heyward
A volte il naming richiede settimane e settimane di proposte scartate, ma nell’istante in cui sentimmo quella risposta, fu chiaro a tutti che il nome doveva essere Allbirds.
Estratto da Adoro! di Emily Heyward
Come imbastire messaggi di grande effetto che smuovono i prospect
Jeb Blount
I prospect decidono di incontrarvi perché hanno i loro motivi, non i vostri. Trovate soluzioni che vadano incontro ai problemi dei vostri prospect utilizzando il loro linguaggio
Estratto da Fanatical Prospecting di Jeb Blount
La guardavo e pensavo: “È proprio una civetta”
Gabrielle Bernstein
I miei giudizi diventavano sempre più duri. Se continuo a pensare a qualcosa, alla fine mi scapperà detto in maniera inopportuna. Ed è successo proprio così.
Estratto da Liberi dal giudizio di Gabrielle Bernstein
Come vendere un contratto da dieci miliardi di dollari a un oligarca russo
Oren Klaff
Stavo progettando un modo completamente nuovo di presentare un’idea o un prodotto; volevo che fossero loro, i clienti, a decidere di acquistare, senza che io dovessi nemmeno chiedere.
Estratto da Ribalta il copione di Oren Klaff
L'arancia Tropicana
Marie Forleo
Mia mamma è una di quelle persone sempre indaffarate. Quando ero piccola, sapevo che l’avrei trovata da qualche parte, in casa o in giardino, impegnata in qualche attività mentre ascoltava, in sottofondo, il suono metallico che proveniva dall’arancia Tropicana.
Estratto da A tutto c'è una soluzione di Marie Forleo
Devo molto al coraggio
Alessio Sakara
Quando la paura mostra le zanne e ringhia nella notte, non c’è altro da fare che andarle incontro. Allora scopri una cosa interessante. La paura ha paura del tuo coraggio.
Estratto da Ogni giorno in battaglia di Alessio Sakara
Professione podcaster: chi racconta e cosa sono le storie da ascoltare
Damiano Crognali
Un ecosistema che si sta costruendo proprio in questo momento, mentre stai leggendo queste pagine, che vede investimenti miliardari di grandi aziende del mondo tecnologico, che si affacciano a questo settore con approcci e modelli di business differenti.
“Ma vi volete ancora bene, vero?”
Tara Brach
Possiamo diventare consapevoli delle paure inconsce e delle convinzioni limitanti. Possiamo accorgerci di come i bisogni insoddisfatti ci portino a voler continuare a indossare un’armatura.
I migliori nomi di brand sfruttano un’emozione
Emily Heyward
A volte il naming richiede settimane e settimane di proposte scartate, ma nell’istante in cui sentimmo quella risposta, fu chiaro a tutti che il nome doveva essere Allbirds.
Estratto da Adoro! di Emily Heyward
Come imbastire messaggi di grande effetto che smuovono i prospect
Jeb Blount
I prospect decidono di incontrarvi perché hanno i loro motivi, non i vostri. Trovate soluzioni che vadano incontro ai problemi dei vostri prospect utilizzando il loro linguaggio
Estratto da Fanatical Prospecting di Jeb Blount
La guardavo e pensavo: “È proprio una civetta”
Gabrielle Bernstein
I miei giudizi diventavano sempre più duri. Se continuo a pensare a qualcosa, alla fine mi scapperà detto in maniera inopportuna. Ed è successo proprio così.
Estratto da Liberi dal giudizio di Gabrielle Bernstein
Come vendere un contratto da dieci miliardi di dollari a un oligarca russo
Oren Klaff
Stavo progettando un modo completamente nuovo di presentare un’idea o un prodotto; volevo che fossero loro, i clienti, a decidere di acquistare, senza che io dovessi nemmeno chiedere.
Estratto da Ribalta il copione di Oren Klaff

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni