L'arte dell'impossibile, Steven Kotler
Pagine: 336
ISBN: 9788836200825 Categoria
Data di pubblicazione: 01/12/2021
TRADUZIONE: Arianna Bevilacqua

Il libro

L'autore

La prima volta che ho assistito all’impossibile avevo nove anni. Era il 1976, l’anno della Coppa del Bicentenario, e a compiere l’impossibile è stato il mio fratellino. Lui aveva sette anni. Era pomeriggio inoltrato. Mio fratello era rientrato a casa dopo essere stato da un amico, aveva salutato la mamma e aveva estratto dalla tasca dei jeans sporchi di fango una palla di spugna di un colore rosso vivido. Misurava circa 3 centimetri di diametro ed era del colore del camion dei pompieri. Con le dita della mano destra, con calma, ha messo la palla nella mano sinistra che poi ha chiuso a pugno e sollevato verso il soffitto. Quindi ha chiesto a qualcuno – forse a me, forse alla mamma – di soffiare sul pugno chiuso. Mamma ha soffiato. E quando mio fratello ha aperto le dita, sono rimasto senza parole. La palla non c’era più. Intendo, puf! Scomparsa. Mio fratello – ne ero convinto – aveva compiuto l’impossibile.

Adesso, ovviamente, per molti, una palla di spugna che scompare non è poi un gran trucco. Però avevo nove anni e non avevo mai visto un gioco di prestidigitazione prima d’allora. Era proprio un’esperienza stupefacente. Ed era stupefacente da due punti di vista. Il primo e più ovvio: quella dannata pallina era scomparsa. Il secondo e un po’ meno ovvio: il mio fratellino non era magico. Di questo ero certo. Nei nostri sette anni di vita in comune, non aveva mai fatto nulla che sfidasse le leggi della fisica. Non si era mai messo a levitare accidentalmente e nessuno, quando la tazza da caffè preferita di papà non si trovava, l’aveva accusato di averla teletrasportata in altre dimensioni. Così, se mio fratello aveva realizzato l’impossibile e non era magico, ci doveva essere una spiegazione. Forse un insieme di competenze. Forse un metodo. È stata un’intuizione stupefacente. Intendo dire, che l’impossibile avesse una formula. E più di ogni altra cosa che avessi mai desiderato, volevo conoscere quella formula. Questo spiega molto di quanto è accaduto in seguito…

LEGGI ALTRI ESTRATTI

La mente estesa, Annie Murphy Paul
Annie Murphy Paul
Annie Murphy Paul spiega il funzionamento della nostra mente con una nuova analogia: il cervello-gazza. Un modo radicalmente nuovo e necessario di considerare il pensiero, come qualcosa che esce dai limiti del cervello e che si arricchisce attraverso il rapporto col mondo.
Estratto da La mente estesa di Annie Murphy Paul
ROI-EDIZIONI-Zanolli-Guerra-o-pace copertina
Sebastiano Zanolli
Non portatore di caos ma terreno fertile per l'innovazione: bisogna riscoprire la natura positiva del conflitto per poter imparare a "litigare bene", tanto nella vita personale quanto in azienda.
Estratto da Guerra o pace di Sebastiano Zanolli
ROI-Edizioni-DRUCKER
Peter F. Drucker
"Le carriere di successo non sono pianificate. Si sviluppano quando le persone sono pronte a cogliere le opportunità perché conoscono i propri punti di forza, i propri metodi di lavoro e i propri valori."
Estratto da Gestire se stessi di Peter F. Drucker
Joe Pulizzi
Due storie di imprenditori e un piccolo elenco puntato ci raccontano il libro di Joe Pulizzi e il suo business model, basato sulla costruzione e sulla cura di un'audience specifica tramite un continuo flusso di informazioni desiderabili.
Estratto da Content Business di Joe Pulizzi
ROI Edizioni, Il Tao di Charlie Munger
Charlie Munger
I segreti dello straordinario successo finanziario e la filosofia di vita del grande finanziere, socio di Warren Buffett
Estratto da Il Tao di Charlie Munger di David Clark
ROI Edizioni, Oren Klaff, Pitch Anything - La presentazione perfetta
Oren Klaff
Sotto la superficie di ogni riunione, colloquio di vendita, comunicazione commerciale si cela una lotta fra schemi mentali: uno scontro per il predominio e il controllo del contesto.
Estratto da Pitch anything di Oren Klaff
Il linguaggio del corpo digitale, Erica Dhawan
Erica Dhawan
La tecnologia ha reso inutilizzabile il linguaggio del corpo, che costituiva fino al 60-80% della comunicazione faccia a faccia. Adesso bisogna imparare una cultura e una lingua nuove: quelle dello spazio digitale
Estratto da Il linguaggio del corpo digitale di Erica Dhawan

È arrivata la shopper di ROI Edizioni!

Iscriviti alla newsletter per riceverla in omaggio con il tuo primo acquisto (e rimanere aggiornato su tutte le novità)

È arrivata la shopper di ROI Edizioni!

Iscriviti alla newsletter per riceverla in omaggio con il tuo primo acquisto (e rimanere aggiornato su tutte le novità)