ROI-EDIZIONI-SAKARA
Pagine: 176
ISBN: 9788885493957 Categoria
Data di pubblicazione: 06/05/2020

Il libro

L'autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

La paura ha paura del tuo coraggio. Infatti arretra, se ne va guardandoti con occhi rossi, folli di rancore. Sarò sincero, ho allenato così tanto il mio coraggio che c’è ben poco che mi spaventi. Non voglio apparire presuntuoso, ma è così. Ma di qualcosa ho paura anche io. Gli squali per esempio. Quando andavo al mare, non riuscivo a evitare di pensare a quel film, soprattutto al largo. Fu per questo che noleggiai una barca e mi feci portare lontano dalla riva. Per farmi passare la paura non c’era altro modo che tuffarmi e tornare sulla terra ferma a bracciate. E così feci. Per tutto il tempo, come avevo previsto, la mia fantasia continuava a giocarmi brutti scherzi. Squali e blu profondo, blu profondo e squali. Ma una volta giunto a riva, gli squali erano spariti e il blu profondo mi invitava a immergermi ancora. Oggi nuotare in alto mare è uno dei piaceri che mi regalo ogni volta che posso. Per uno come me, che ama la solitudine, nuotare al largo è bellissimo. Siamo solo io… e gli squali.
È il momento. Lasciamo lo spogliatoio, cammino fra due ali di spettatori che scandiscono il mio nome a gran voce, diretto alla gabbia. Un uomo apre il cancello, salgo gli scalini e sono dentro, l’arbitro sta in piedi a ridosso della rete con le braccia conserte; il cancello si chiude alle mie spalle, la musica rimbomba nell’aria piena di elettricità, guardo negli occhi il mio avversario e tutto svanisce. Siamo solo io e lui. E il coraggio. Attirato dalla preparazione e dalla volontà di agire, il coraggio è qui con me. Il mio consiglio è: prima preparati accuratamente, poi agisci. Teoria e pratica insieme sono la formula del coraggio. Ma il coraggio di fare che cosa? In primis di decidere. Decidere chi vuoi essere, che cosa vuoi ottenere, chi vuoi diventare. Ci vuole un grande coraggio per assumersi la responsabilità di decidere della propria vita. Ma l’alternativa qual è? Trascinarsi un giorno dopo l’altro in un’esistenza senza scopo in cui saranno gli altri a dirti chi sei e cosa puoi fare? Che cosa vuoi veramente? Io volevo combattere e lasciare le case popolari, volevo farmi strada. Quando scoprii di avere un talento che si esprimeva nel combattimento, misi da parte ogni esitazione e partii alla volta dei maestri che mi avrebbero aiutato a crescere. Per farmi capire improvvisavo un portoghese maccheronico, aggiungevo “ao” e “agi” alla fine di ogni parola, come se fosse sufficiente, e poi gesticolavo come solo noi italiani sappiamo fare. In qualche modo ne venivo fuori. Entravo nelle favelas, dove tutti mi consigliavano di non mettere piede, prendevo il bus senza essere certo che mi avrebbe portato alla destinazione prefissata e andavo avanti per la mia strada. Era solo coraggio? No, era anche l’incoscienza della giovinezza, ma del resto se non rischi quando sei giovane, quando dovresti farlo? Era bellissimo. Avevo il mio perché ed era grande.
Ecco la terza via di accesso al coraggio: avere un perché, e che sia importante. Allora sottoporsi a ogni sacrificio e ristrettezza in nome del tuo obiettivo sarà più facile, perché al centro dei pensieri che ti frullano in testa nei momenti duri non ci sarà la sofferenza che stai vivendo ma il piacere che proverai un giorno, raggiungendo il tuo obiettivo.

LEGGI ALTRI ESTRATTI

L'arte dell'impossibile
Steven Kotler
"L'impossibile aveva sempre una formula e - ecco la cosa bizzarra - se mi impegnavo, talvolta riuscivo a scoprirla"
Estratto da L'arte dell'impossibile di Steven Kotler
La mucca viola, Seth Godin - ROI Edizioni
Seth Godin
Il marketing dello straordinario è l’arte di creare prodotti e servizi che integrano elementi straordinari, che si fanno notare.
Estratto da La Mucca Viola di Seth Godin
ROI-EDIZIONI-CAMBRIA
Jack Cambria
La persona davanti a noi è appassionata di ciò di cui sta parlando?
Estratto da Parliamone di Jack Cambria
ROI Edizioni, Paolo BORZACCHIELLO
Paolo Borzacchiello
Che parole servono in un mondo che ci costringe a parlare attraverso schermi di vetro, a mascherarci e a star lontani dagli altri?
Estratto da Il codice segreto del linguaggio di Paolo Borzacchiello

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni