Pagine: 
260
ISBN: 
9788885493940
Pubblicato: 
08/07/2020

Il libro

L'autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Nessuno vuole sorbirsi un imbonimento. Lo detestate voi, io e i prospect. L’imbonimento dà l’impressione che non li ascoltiate e li fa sentire irrilevanti. Questo è il motivo principale per cui i prospect oppongono tanta resistenza alla richiesta di usufruire del loro tempo. I prospect non sopportano che interrompiate la loro giornata facendo loro perdere del tempo parlando di voi e dei vostri dati triti e ritriti imparati a memoria. Preferirebbero farsi devitalizzare un dente piuttosto che ascoltare un venditore logorroico per un’ora. I prospect decidono di incontrarvi perché hanno i loro motivi, non i vostri. Dovete riuscire a spiegare il valore che potrebbe avere il tempo investito su di voi alla luce di ciò che è importante per loro. Il vostro messaggio deve dimostrare un interesse sincero ad ascoltarli, apprendere informazioni che li riguardano e risolvere i loro problemi specifici. Questo è il modo per vincere la resistenza iniziale e ottenere un appuntamento, l’opportunità di raccogliere informazioni di qualità o la possibilità di avviare un colloquio di vendita sul momento. Ciò che intendo chiarire è che i messaggi di prospecting non sono complessi. Fate attenzione a non complicare eccessivamente le cose. Il vostro messaggio è pensato per un unico scopo: convincere rapidamente il vostro prospect a dedicarvi il suo tempo. […]

Un ponte verso il perché
I ponti mettono in collegamento. Trovare soluzioni che vadano incontro ai problemi dei vostri prospect utilizzando il loro linguaggio, e non il vostro, è una delle discipline fondamentali della vendita. Nel contesto del processo di vendita, trovare soluzioni ponte aiuta ad arrivare alla chiusura della vendita. Nel contesto del prospecting, il vostro ponte è il perché, che fornisce ai prospect un motivo sufficiente per concedervi il loro tempo e trascorrerlo con voi. Sono due i ponti che utilizzerete nel prospecting: mirato (targettizzato) e strategico. I ponti mirati sono ponti comuni a un vasto gruppo di prospect simili – sono decision maker, appartengono allo stesso settore, hanno prodotti o servizi simili e così via. I ponti mirati sono i più appropriati quando avete poche informazioni relative a un determinato prospect e il rapporto costi/benefici suggerisce che non valga la pena fare una montagna di ricerche. Per esempio, se lavorate in una società di servizi e avete un database di prospect costituito da diecimila piccole e medie imprese, non avrebbe senso effettuare una ricerca prima di chiamarle. Usereste meglio il vostro tempo facendo telefonate per coinvolgere e classificare il maggior numero possibile di prospect nel minor tempo possibile. Quando non disponete di informazioni specifiche relative ai loro problemi, questioni o preoccupazioni, dovete dedurli dagli andamenti economici o dalla vostra conoscenza di ciò che sta accadendo nello stesso settore, area geografica o segmento di mercato o anche al prodotto di un determinato competitor. Naturalmente approfondirete e perfezionerete il vostro messaggio nel corso di successive conversazioni con questi prospect. Ecco un esempio.

LEGGI ALTRI ESTRATTI

"Non disturbare: lavoro intenso": ecco come sconfiggere la distrazione
Cal Newport
Lavorare concentrati è una scelta importante: sperimentate e trovate un rituale che si adatti a voi. Vi assicuro che lo sforzo vale la pena.
Estratto da Deep Work di Cal Newport
Professione podcaster: chi racconta e cosa sono le storie da ascoltare
Damiano Crognali
Un ecosistema che si sta costruendo proprio in questo momento, mentre stai leggendo queste pagine, che vede investimenti miliardari di grandi aziende del mondo tecnologico, che si affacciano a questo settore con approcci e modelli di business differenti.
“Ma vi volete ancora bene, vero?”
Tara Brach
Possiamo diventare consapevoli delle paure inconsce e delle convinzioni limitanti. Possiamo accorgerci di come i bisogni insoddisfatti ci portino a voler continuare a indossare un’armatura.
I migliori nomi di brand sfruttano un’emozione
Emily Heyward
A volte il naming richiede settimane e settimane di proposte scartate, ma nell’istante in cui sentimmo quella risposta, fu chiaro a tutti che il nome doveva essere Allbirds.
Estratto da Adoro! di Emily Heyward
La guardavo e pensavo: “È proprio una civetta”
Gabrielle Bernstein
I miei giudizi diventavano sempre più duri. Se continuo a pensare a qualcosa, alla fine mi scapperà detto in maniera inopportuna. Ed è successo proprio così.
Estratto da Liberi dal giudizio di Gabrielle Bernstein
Come vendere un contratto da dieci miliardi di dollari a un oligarca russo
Oren Klaff
Stavo progettando un modo completamente nuovo di presentare un’idea o un prodotto; volevo che fossero loro, i clienti, a decidere di acquistare, senza che io dovessi nemmeno chiedere.
Estratto da Ribalta il copione di Oren Klaff
L'arancia Tropicana
Marie Forleo
Mia mamma è una di quelle persone sempre indaffarate. Quando ero piccola, sapevo che l’avrei trovata da qualche parte, in casa o in giardino, impegnata in qualche attività mentre ascoltava, in sottofondo, il suono metallico che proveniva dall’arancia Tropicana.
Estratto da A tutto c'è una soluzione di Marie Forleo
Devo molto al coraggio
Alessio Sakara
Quando la paura mostra le zanne e ringhia nella notte, non c’è altro da fare che andarle incontro. Allora scopri una cosa interessante. La paura ha paura del tuo coraggio.
Estratto da Ogni giorno in battaglia di Alessio Sakara
"Non disturbare: lavoro intenso": ecco come sconfiggere la distrazione
Cal Newport
Lavorare concentrati è una scelta importante: sperimentate e trovate un rituale che si adatti a voi. Vi assicuro che lo sforzo vale la pena.
Estratto da Deep Work di Cal Newport
Professione podcaster: chi racconta e cosa sono le storie da ascoltare
Damiano Crognali
Un ecosistema che si sta costruendo proprio in questo momento, mentre stai leggendo queste pagine, che vede investimenti miliardari di grandi aziende del mondo tecnologico, che si affacciano a questo settore con approcci e modelli di business differenti.
“Ma vi volete ancora bene, vero?”
Tara Brach
Possiamo diventare consapevoli delle paure inconsce e delle convinzioni limitanti. Possiamo accorgerci di come i bisogni insoddisfatti ci portino a voler continuare a indossare un’armatura.
I migliori nomi di brand sfruttano un’emozione
Emily Heyward
A volte il naming richiede settimane e settimane di proposte scartate, ma nell’istante in cui sentimmo quella risposta, fu chiaro a tutti che il nome doveva essere Allbirds.
Estratto da Adoro! di Emily Heyward
La guardavo e pensavo: “È proprio una civetta”
Gabrielle Bernstein
I miei giudizi diventavano sempre più duri. Se continuo a pensare a qualcosa, alla fine mi scapperà detto in maniera inopportuna. Ed è successo proprio così.
Estratto da Liberi dal giudizio di Gabrielle Bernstein
Come vendere un contratto da dieci miliardi di dollari a un oligarca russo
Oren Klaff
Stavo progettando un modo completamente nuovo di presentare un’idea o un prodotto; volevo che fossero loro, i clienti, a decidere di acquistare, senza che io dovessi nemmeno chiedere.
Estratto da Ribalta il copione di Oren Klaff

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni

Resta aggiornato
Iscriviti alla newsletter

Ricevi notizie sulle nuove uscite e gli eventi della casa editrice, contenuti interessanti e promozioni